Le migliori 10 cose gratis da fare a Buenos Aires

Buenos Aires, capitale dell’Argentina, è una metropoli magnetica, dove l’affascinante sensibilità d’altri tempi si confonde con la contemporaneità rivoluzionaria. La storia del paese, così come le arti e le tradizioni che si sono susseguite e tramandate nel corso dei secoli si rintracciano in ogni angolo della città.

Soprattutto a livello architettonico Buenos Aires rappresenta una sorta di microcosmo nel quale convivono stili molto distanti tra di loro: coloniale, belle-époque e modernismo sono perfettamente armonizzati tra di loro e rendono questa città una di quelle mete in cui andare almeno una volta nella vita.

Di seguito presentiamo quelle che sono le migliori 10 attività ed attrazioni gratuite da visitare durante un viaggio a Buenos Aires. Non serve necessariamente spendere tanti soldi per vivere in prima persona il meglio che una città può offrire. Come nella vita di tutti giorni, il bello si nasconde dietro alla semplicità delle piccole cose.

Assistere ad un’esibizione di Tango

No, non ci siamo sbagliati, è possibile vedere dei balli in strada senza pagare, almeno che non si decida di fare spontaneamente una piccola offerta ai ballerini. Nel fine settimana, cioè il sabato e la domenica, a La Recoleta si tiene la Feria, cioè il mercato. Come accade a San Telmo, anche questo tipico quartiere si anima e si colora con banchetti e musica di ogni tipo. Nel corso delle giornate del weekend, capita molto spesso che i ballerini locali si mettano a ballare il Tango all’improvviso, regalando uno spettacolo assolutamente ipnotico.

Leggere alla libreria El Ateneo

Sempre nel quartiere La Recoleta si trova quella che secondo il The Guardian è la seconda libreria più bella del mondo. Si tratta di El Ateneo, una libreria molto suggestiva, che è stata realizzata all’interno del teatro Gran Splendid, teatro dei primi del ‘900 che ha ospitato nomi importanti della scena artistica argentina. Con oltre 120.000 titoli, El Ateneo rappresenta una tappa gratuita obbligatoria per gli amanti della lettura, ma anche per chi visita Buenos Aires e desidera fare un’esperienza insolita.

Infatti, le comode poltroncine che si trovano nei balconi laterali consentono di sfogliare qualche volume e di permanervi per tutto il tempo che si vuole. Inoltre, il bello di questa libreria ricavata dentro un lussuoso teatro è che consente di calarsi nell’atmosfera dell’ambiente circostante, ammirare l’immagine allegorica della pace dipinta sulla cupola centrale e respirare dell’aria che profuma di buono, di carta e vita vissuta con ardore.

Trovare la tomba di Maria Eva Duarte de Perón

A Recoleta c’è un’altra cosa insolita da poter fare, visitare il cimitero! Caratterizzato da molteplici mausolei e grandi statue di angeli, anche il cimitero è considerato uno dei più belli al mondo e, pur quanto possa fare strano, la visita è altamente consigliata, così come la ricerca delle spoglie di Maria Eva Duarte de Perón. Si trovano all’interno del cimitero di Recoleta, ma non sono così visibili come si potrebbe pensare.

Domenica alla Feria di San Telmo

La domenica è il giorno del riposo, quindi il giorno in cui gli impegni vengono meno e lasciano spazio al divertimento. Ecco che il quartiere più antico di Buenos Aires, San Telmo, ospita uno dei più grandi mercatini a cielo aperto, La Feria, dove è possibile oltre che acquistare anche osservare artisti di strada che si esibiscono nelle performance più disparate, ballerini di tango, musicisti e spettacoli di marionette.

Caminito, il museo a cielo aperto

Il quartiere indubbiamente più famoso, ma anche caratteristico, di Buenos Aires è La Boca dove si trova il celebre Caminito, una lunga via caratterizzata da una serie di piccole case dai colori accesi. La via è a tutti gli effetti un museo a cielo aperto, ma qui occorre tenere anche gli occhi aperti per non farsi fregare e borseggiare dai malintenzionati.

Si tratta infatti di una via da non perdere, ma occorre prestare al contempo molta attenzione in quanto alla notte, è una zona pericolosa.

Tramonto a Puente de la Mujer

La magia della natura è che ogni cosa muta e non è mai uguale, come i tramonti. Una delle migliori cose da fare a Buenos Aires è passeggiare nel tardo pomeriggio lungo Puerto Madero e fermarsi poi sul Puente de la Mujer per ammirare lo spettacolo del sole che cala definitivamente e fare qualche foto per immortalarne il ricordo. La passeggiata al calar del sole è molto romantica, quindi è particolarmente consigliata per chi viaggia con la sua dolce metà.

Buenos Aires simbolica, Plaza de Mayo

Un’area verde ricca di simbolismo è Plaza de Mayo, una piazza che porta il nome della rivoluzione del maggio 1810, la quale gettò le basi per la successiva Indipendenza dell’Argentina dalla Spagna.

Il monumento più simbolico è la Casa Rosada, dai balconi della quale Evita Peron infiammava di orgoglio nazionale i cuori del popolo argentino. La Piazza è il cuore pulsante di Buenos Aires. Nella piazza si trova la sede del governo e, a breve distanza, la strada più lunga di Buenos Aires, Avenida 9 de Julio, chiamata così in onore al giorno dell’Indipendenza argentina, datata 1816.

Visitare la zona, soprattutto il giovedì pomeriggio, è un’esperienza unica e toccante. Plaza de Mayo infatti ogni giovedì pomeriggio diventa il luogo d’incontro delle “Madri” che ancora oggi marciano per ricordare i loro figli Desaparecidos durante il governo di Videla.

Relax e picnic al Parco Palermo

Il quartiere Palermo di Buenos Aires ospita uno dei giù grandi parchi del paese, il parco Tres de Febrero, che si trova nel centro urbano e si estende per 25 ettari. Qui, quando le temperature lo permettono, è possibile rilassarsi all’ombra di un albero e fare anche un pic nic.

I residenti del luogo lo utilizzano soprattutto per fare attività fisica all’aria aperta, come jogging per esempio. Se amate correre, ecco che avete a disposizione un grande polmone verde dove scaricare l’adrenalina e fare un’esperienza che vi farà sentire ancora più vicini con le persone del posto.

Perdersi a Palermo Soho

La zona appena menzionata, Palermo, si divide in due parti, una nuova ed una vecchia. Quest’ultima ospita il quartiere Soho, un quartiere hipster, dove si consiglia di errare tra i vicoli colorati e di ammirare le particolarità dei tantissimi ristoranti e bar, che si alternano con boutiques di design, gallerie d’arte, librerie, centri culturali e negozi vintage.

Fare shopping a Calle Florida

Ogni città ce l’ha ed è interessante vedere come cambia da città a città appunto. Di cosa stiamo parlando? Della pittoresca via dello shopping, che in questo caso si estende per un chilometro e che ai suoi lati presenta vetrine e solo vetrine di negozi. Ammirare Calle Florida a Buenos Aires è gratis…almeno finché si rispetta il detto “Guardare e non…comprare!”